Comitato Interprovinciale Marce Sportive (C.I.M.S.)

 
Logo dello Sla con link al sito
c/o Centro socio-culturale
via Rook n° 11, 56122 Pisa
Home > Articoli e foto > Articolo
18 Novembre 2012, Viareggio - 54° marcia del Trofeo
12° SENZA BARRIERE
di Maria Luisa Tognelli

Dopo tre domeniche "bagnate", finalmente una domenica, non certamente soleggiata, ma almeno senza pioggia, che ci ha permesso di correre e camminare tranquillamente e di goderci una mattinata in libertà.
Siamo a Viareggio presso la Polisportiva "Silenziosi", abbastanza presto e mentre attendiamo la consegna dei cartellini cartacei, nella sala che ci ospita c'è la consueta animazione ed il solito assordante vociare. Poi pian piano la partenza lungo il sentiero in terra battuta che fiancheggia la strada, a sua volta affiancato da un fossatello; notiamo che la terra è stata smossa dal passaggio di cinghiali, evidentemente assai numerosi. Poi volgendo a sinistra siamo entrati nella pineta che abbiamo percorso per breve tratto. Qui la 3 km. ha compiuto il giro di boa, mentre gli altri tracciati hanno proseguito verso il mare, sul Viale Europa, che quest'anno è apparso meno desolato degli altri anni, meno in stato di abbandono per quel che riguarda i locali che lo fiancheggiano; ma il nostro sguardo voleva abbracciare piuttosto l'ampia distesa del mare e a pieni polmoni respirare l'aria salmastra. Prima di iniziare la parte più selvaggia sul lungomare, la 6 Km., volgendo sulla sinistra, ha intrapreso la via del ritorno lungo il bosco. A questo punto il paesaggio, fatto di dune e di caratteristiche piante come la yucca, e dal fondo più accidentato ci ha regalato sensazioni più piacevoli ed intime facendoci sentire in sintonia con la Natura e con le sue bellezze meno violate, più rispettate, più silenziose. Poi ancora avanti ed ancora pinete, boschi, sentieri con vegetazione ora più folta, ora meno folta. Bella anche la zona della Bufalina con il suo canale; quindi il ritorno lungo il Viale dei Tigli lasciando alla nostra destra la Villa Borbone, residenza di caccia fatta costruire per Maria Luisa di Borbone dal Nottolini, ora proprietà del Comune, quest'anno visibile solo dall'esterno. Pochi passi ancora e poi l'arrivo e di nuovo tanta animazione dovuta alla nostra allegra presenza, mentre, spensierati ma non "silenziosi", ci rifocilliamo.