Comitato Interprovinciale Marce Sportive (C.I.M.S.)

 
Logo dello Sla con link al sito
c/o Centro socio-culturale
via Rook n° 11, 56122 Pisa
Home > Articoli e foto > Articolo
19 Gennaio 2014, Calci - 4° marcia del Trofeo
6° IL CUORE SI SCIOGLIE
di Maria Luisa Tognelli

Che stranezza, neanche il tempo è più come prima! Lo sappiamo dirà qualcuno, pensando che sto per dire una banalità. In effetti è già da tempo che abbiamo osservato un fenomeno che per chi abita sulla costa è piuttosto evidente: in genere il tempo è stato sempre migliore nelle zone di mare, ora sembra capitare proprio il contrario, nell'entroterra spesso e volentieri troviamo situazioni meteorologiche più favorevoli. Per noi podisti livornesi che ci spostiamo assai spesso nell'entroterra pisano, può andare anche bene... dopo una giornata di pioggia a scrosci, lampi e tuoni questa mattina arrivare a Calci e trovare le nubi squarciate e ampi spazi di azzurro è stata davvero una piacevole sorpresa; così ombrelli, mantelle e impermeabili sono risultati del tutto inutili. Siamo arrivati come sempre molto presto ed è vano che si consegnino i cartellini alle ore 8,00 secondo l'orario invernale, perché tanto arriviamo tutti quanti alla solita ora ed affolliamo gioiosamente, ma anche caoticamente, i punti di ritrovo. Siamo partiti così numerosi che inizialmente avanzavamo con una certa difficoltà, poi ciascuno ha preso il suo passo, da solo o in compagnia, per trascorrere una bella mattinata di sport. Dopo pochi passi abbiamo potuto ammirare la meravigliosa chiesa di Calci, la pieve romanica (1080-1111) in onore dei Santi Giovanni ed Ermolao Martire (qui le Rondinelle di rosso vestite si sono scattate la foto di gruppo). Imponente anche la Torre campanaria a pianta quadrangolare che a detta di alcuni storici potrebbe essere ciò che rimane di un'antica torre difensiva o di avvistamento. Procedendo abbiamo fatto un ampio giro nella zona circostante Calci e ad un certo punto avevamo di fronte la Verruca (nome anche -la Verru'a- del Gruppo organizzatore della marcia). Ci siamo quindi avviati sulla dolce salita verso Montemagno per volgere non molto dopo sulla sinistra. Abbiamo così potuto ammirare da vicino l'ampio complesso della Certosa che, solitaria, fa onore al suo motto (" O beata solitudo o sola beatitudo"). Ci siamo quindi avviati verso il centro di Calci, ma presto una deviazione sulla destra ci ha fatto proseguire fino alla separazione tra la 6 , a sinistra, la 12 e 18, a destra; percorsi questi ultimi ben più gratificanti che hanno portato i podisti verso il Conventino e verso il Serra. Fatto ritorno nella Piazza del Municipio abbiamo anche goduto di un tepido sole.