Comitato Interprovinciale Marce Sportive (C.I.M.S.)

 
Logo dello Sla con link al sito
c/o Centro socio-culturale
via Rook n° 11, 56122 Pisa
Home > Articoli e foto > Articolo
1 Marzo 2015, Vorno (LU) - 10° marcia del Trofeo 2015
41° PASSEGGIATA TRA I BOSCHI DI VORNO
di Maria Luisa Tognelli

Domenica 1° marzo: questa mattina appuntamento a Coselli nella zona artigianale denominata La Sorgente per la "41^ Passeggiata trai boschi di Vorno". Siamo nel Comune di Capannoni ed è questa una zona molto varia ed interessante sia dal punto di vista geografico e naturalistico che dal punto di vista storico ed artistico e non dimentichiamo che a Vorno soggiornarono famosi personaggi, quali Lorenzo Nottolini, il giurista ed uomo politico Francesco Carrara, Felice Matteucci (motore a scoppio), Giambattista Mansi, Carlo Minutoli ed altri ancora che portarono nell'800 grandi novità ed importanti cambiamenti. Vorno è indubbiamente una zona molto ricca di acqua, attraversata dal Rio Maestro; ricorderò ancora una volta la meravigliosa opera di ingegneria idraulica del Nottolini che un tempo riforniva di acqua la città di Lucca. Fatta eccezione per i percorsi di 3 e 7 km. i podisti degli altri tracciati hanno attraversato e potuto ammirare questo interessante complesso idraulico; parlando ancora di abbondanza di acqua voglio ricordare le lavandaie di Vorno, assai note per la loro bravura, che facevano il bucato nei "concari", nei bozzi del Rio e della Gora ed i panni, battuti, asciugati e stirati, caricati sui barrocci venivano portati a Lucca per la consegna ed al contempo venivano ritirati quelli sporchi. Senza timore di essere smentiti possiamo affermare che gli abitanti di Vorno e dintorni sono sempre stati operosi ed intraprendenti; ma cambiando discorso e volendo arricchire le nostre conoscenze vi dirò che sulla via del ritorno dalla camminata nella zona di Badia di Cantignano sulla facciata di un casolare abbandonato si poteva leggere una targa che ricorda che lì era nato nel 1827 Carlo Piaggia un appassionato viaggiatore ed esploratore che forse, colto da quello che noi oggi chiamiamo "mal d'Africa", pur non dotato di grande cultura divenne profondo conoscitore di quel mondo tanto da essere chiamato da molti studiosi a fornire loro le sue esperienze e le sue conoscenze di carattere pratico. Il suo primo viaggio si sviluppò lungo il corso del Nilo, scoprì il Lago Kioga spingendosi fin nelle zone dei cannibali ed oltre per cui ha potuto lasciarci lettere e scritti quasi tutti inediti. Tornando...a Vorno, che dire delle numerose e ricchissime ville, delle verdi colline, degli stupendi paesaggi, dei percorsi solitari dove è bello camminare anche in solitudine godendo delle bellezze che la natura ci regale e di luoghi incantevoli quali Prato a Sillori, quasi un ampio alpeggio montano, o dell'aperto panorama nella zona dell'Osservatorio Astronomico? Bene se non l'aveste per caso capito, vi dico che la zona di Vorno mi piace veramente molto, vorrei parlarne ancora, ma ve lo risparmio.