Comitato Interprovinciale Marce Sportive (C.I.M.S.)

 
Logo dello Sla con link al sito
c/o Centro socio-culturale
via Rook n° 11, 56122 Pisa
Home > Articoli e foto > Articolo
11 Maggio 2014, Pian del Quercione - 26° marcia del Trofeo
42° SGAMBATA SULLE COLLINE VERSILIESI
di Maria Luisa Tognelli

Una giornata piuttosto grigia oggi 11 maggio, "Festa della mamma", quando siamo arrivati all'ex Zoo Parco di Pian del Quercione; piovigginava, poi per fortuna la pioggia è cessata e ci ha permesso di camminare tranquilli, ma quella cappa uggiosa di nuvole pesanti ci ha fatto sudare moltissimo. Come sempre all'interno del Parco tanti fiori in vendita ed olive al naturale e marinate, del resto si festeggiava anche la "Sagra delle olive e dell'olio". Ritirati i cartellini abbiamo iniziato il nostro percorso: la 18 e la 3 km. volgevano subito sulla destra, la 5 e la 10 procedevano invece per via del Pioppo Gatto. Ben presto, come ogni anno, in salita, una salita, ci va di rima, piuttosto ardita, prima tra gli olivi poi nel bosco, attraverso una macchia dove i rovi prevalevano tanto che dovevamo stare attenti a non pungerci. Ad un certo punto la 5 km. si è indirizzata a destra mentre la 10 km. ha continuato a salire per poi, arrivati al culmine, volgere per via di Coli e Spezi fino al ristoro. Bello il panorama e la vista delle colline attorno; sono zone queste alle quali siamo particolarmente affezionati. Arrivati ad un bivio la 10, volgendo sulla destra, ha iniziato una piacevole discesa lungo la quale le gambe si sono sbizzarrite con una corsetta un po' precipitosa sul tranquillo asfalto che ci ha ben presto portati alla bellissima pieve di San Pantalone, di Pieve ad Elici, del IV-V secolo e successivamente modificata. Dire meravigliosa è un po' riduttivo: saremmo rimasti lì ad ammirarla e ad apprezzarne la stupenda sobrietà ed eleganza, la capacità di elevazione e di raccoglimento che può donarci. Ma troppo brevi sono state la visita e la sosta poiché dovevamo continuare il nostro cammino: ci attendeva una discesa, questa volta però scoscesa e sconnessa alla fine della quale, passando sotto le enormi arcate dell'autostrada, che ci facevano sentire timorosamente piccoli piccoli, siamo giunti a Pian del Quercione, la piacevole meta, per sostare ancora ristorandoci in compagnia ed in pieno relax.