Comitato Interprovinciale Marce Sportive (C.I.M.S.)

 
Logo dello Sla con link al sito
c/o Centro socio-culturale
via Rook n° 11, 56122 Pisa
Home > Articoli e foto > Articolo
Cascina (la Verru'a) - 31° marcia del Trofeo
Il gruppo podistico La Verru'a ringrazia tutti i partecipanti alla XXXIV Marcia ludico motoria Dall'Arno alla Verru'a svoltasi domenica 28/2 u.s. per essere stati anche quest'anno cosi numerosi. Cogliamo altresi l'occasione per scusarci con tutti coloro che, a causa di uno spostamento di una freccia, abbiamo arrecato disagi sul percorso. Saluti a tutti
Ira divina!
di Luca Bartoli

Finarmente l'ira divina s'è abbattuta sur popolo podista 'e parte sempre prima der tempo!!! Gl'era l'ora 'e varche d'uno 'nviasse a sabotà le 'orse.
Stamane ar primo ristoro gl'è successo ir fattaccio: nella notte è stata girata una freccia 'ndiativa da varche bontempone (ma si sospetta già di un movimento occurto che vole boicottà le partenze anticipate) e l'addetti ar ristoro, vando so rivati, hanno messo i bidoni pei bicchierini in quella direzione, cioè a sinistra, 'nvece che a diritto.
Centinaia di partenti anticipati hanno sbagliato finchè uno dell'organizzazione 'un se n'è avvisto e a quer punto ha cercato di rimedià richiamando 'ndietro tutti velli che gl'è riuscito di beccà.
E' venuto giù 'r mondo; tuti a lamentassi, uno diceva m'anno fatto fa un salitone che un'era possile montà; un'artro ha detto che ha fatto du ilometri di più (poo male per chi gl'è abituato a fanne anco trenta), un'artro ancora diceva 'e un ne poteva più perchè l'hanno fatto allungà di dieci-vindici ilometri, e via 'osì pe' tutta la 'orsa.
Alla fine s'è arzato anco l'eliottero della Protezione Civile per rintraccià tutti velli 'e vagavano su monti pisani da Viopisano a Pappiana.
'Nsomma una tragedia!
E pensà che io ho fatto tutta la 'orsa tranquillo tranquillo e ho finito 'n po' 'nviperito perchè volevo 'ndà sulla Verru'a.
A proposito, ma la 'orsa un si chiama " dall'Arno alla Verru'a"? un'è che ci si doveva anco rivà?
Ma, speriamo per un'artranno.
Ora vi saluto e ci si vede domenia prossima a Vorno, chissà che un si ritrovi ancora quarcuno 'e vaga per i monti da stamani.
Ciao Luca Bartoli

Dall'Arno alla Verru'a
di Aldo Passetti

La cosa che mi viene più difficile è quella di parlare della marcia dall'Arno alla Verru'a una marcia che mi ha visto nascere come podista e per la quale ho dato molto in quella ventina di anni o forse più in cui ho dato il mio modesto contributo a livello di organizzazione, in questa edizione purtroppo non ho potuto percorrere quei sentieri che hanno fatto la storia di questa marcia percorsi durissimi ma sempre molto belli a livello di spettacolo paesaggistico, purtroppo gli acciacchi di stagione hanno condizionato la mia presenza relegandomi al ruolo di addetto al timbro del controllo CIMS mi è restata la soddisfazione di vedere quante fossero oggi le persone presenti che erano moltissime, e così trà un timbro e l'altro i saluti a quella miriade di persone che ancora apprezzano la mia amicizia e il mio saluto e così per più di un ora a timbrare cartellini dove non sono mancati i soliti furbi che pensavano di timbrare anche quello di scorta il famoso cartellino fantasma, ma quello di oggi era proprio un controllo di qualità e non c'è stato verso per i fantacartellinisti di poterci fregare, modestamente...............
Tornando alla zona di arrivo mentre facevo alcune foto ho chiesto in giro come fosse stato il percorso e mi è stato risposto che vi erano stati vari problemi sui percorsi più lunghi dove diversi podisti avevano sbagliato strada a causa della segnaletica poco visibile, così mi è stato riferito, posso solo dire una cosa per quanto riguarda la parte finale del percorso al momento in cui i podisti si immettevano di nuovo sulla via che li riportava allo Stadio punto di arrivo che si trovavano in mezzo alle auto di chi finita la marcia tornava verso casa creando un gigantesco ingorgo dove i podisti si dovevano destreggiare in mezzo alle macchine rischiando di essere investiti questa è stata veramente una pecca organizzativa si doveva provvedere a organizzare meglio i parcheggi invece di consentire il parcheggio sui due lati della strada che di suo è molto stretta, certe volte per essere grandi bisogna pensare in piccolo.
E come da tradizione il megaristoro finale dove si poteva mangiare di tutto di più abbondantis abbondatum.
Buona settimana a tutti