Comitato Interprovinciale Marce Sportive (C.I.M.S.)

 
Accordo Stato-Regioni
091 del 5 agosto 2014 circa gli eventi sportivi
Per prendere contatti con un gruppo DEU per il servizio di soccorso sanitario, gli organizzatori possono rivolgersi al numero 347/6080273 valendosi di medici abilitati alla rianimazione ed all'uso del defibrillatore a costi calmierati
Convenzione con l'AOUP
per la certificazione agonistica e non
Accordo Stato-Regioni
091 del 5 agosto 2014 circa gli eventi sportivi
Per prendere contatti con un gruppo DEU per il servizio di soccorso sanitario, gli organizzatori possono rivolgersi al numero 347/6080273 valendosi di medici abilitati alla rianimazione ed all'uso del defibrillatore a costi calmierati
Convenzione con l'AOUP
per la certificazione agonistica e non
Convenzione con l'AOUP
per la certificazione agonistica e non
Home > Articoli e foto > Articolo
17 Marzo 2013, Fauglia - 12° marcia del Trofeo
4° Collin'aria - Per correre tra i colli e valli della campagna faugliese
di Maria Luisa Tognelli

Piazza San Lorenzo, luogo di ritrovo e punto focale per quelli che sono alcuni aspetti organizzativi della manifestazione ma le iscrizioni si effettuano nella vicina piazza del Comune, in parte all'interno dove la sala è troppo piccola per contenerci tutti e quindi in parte all'esterno.
Appena arrivati ci viene comunicato che sono state apportate variazioni, causa maltempo, ai tracciati rispetto ai programmi. Poco dopo la partenza abbiamo trovato la deviazione verso il Botteghino per la 6 km. e poco oltre la 2 e la 21 hanno proseguito sulla destra. Gli altri percorsi hanno imboccato via del Sorbo per scendere verso via Ginestreto e successivamente immettersi sulla asfaltata che ci ha portati ad Acciaiolo; qui gustoso ristoro di una ben nota ed apprezzata ditta locale. Qui la 21 ha proseguito verso Luciana, mentre gli altri percorsi dopo un ampio giro tra campi e boschi sono confluite, come del resto anche la 21, nuovamente ad Acciaiolo passando per Pian di Laura.
Le zone che abbiamo attraversato ad est della Via Emilia sono indubbiamente interessanti sia dal punto di vista naturalistico che per le attività che vi fervono e che per fortuna sembrano resistere alla crisi che stiamo vivendo. Abbiamo percorso sentieri dal fondo renoso e campi lasciati a maggese intervallati da boschi dai saliscendi per lo più abbastanza dolci dove il pungitopo spiccava con il suo verde intenso, ma guai a coglierlo la guardia forestale non ce l'avrebbe perdonato....
Tra pochi giorni sarà primavera, ma oggi ci è sembrata davvero lontana.