Comitato Interprovinciale Marce Sportive (C.I.M.S.)

 
Logo dello Sla con link al sito
c/o Centro socio-culturale
via Rook n° 11, 56122 Pisa
Home > Articoli e foto > Articolo
20 Marzo 2011, Salviano - 35° marcia del Trofeo
 
Collinaia 20 marzo
di Donatella Bragagni

E’ strano il fascino delle Tre Province.
Collinaia non è Roma, niente vestiti super tecnici, niente “pronti via con il cronometro in mano”, niente volti tesi. Qui cordiali sorrisi, strette di mano, abbigliamento modesto.
Ma il fascino delle Tre province è il messaggio che immancabilmente ogni domenica i paesaggi e la natura lancia a tutti coloro che vi partecipano, non importa con quale passo, su quale distanza....
Anche oggi, si parte con passo modesto, l’asfalto è brutto e per di più il passo è fortemente frenato da un forte vento, che sembra dirti, “uomo dove vai, frenati!”
Piano piano si sale e dopo la deviazione dei percorsi medi, il paesaggio si addentra nel parco delle colline livornesi riservandoci squarci di bosco, oliveti, dal verde più o meno intenso. Ecco davanti a noi, alberi sbattuti dal vento, ma che ad esso si lasciano andare, certi che la natura non li tradirà....
Uomo cerchi l’energia, cosa cerchi qui è la tua fonte di energia....
Ancora si sale, e lo sguardo si apre prima ad un promontorio che no ha nulla da invidiare a quelli alpini, ma poi ancor più al mare che così azzurro e quieto, di un colore così tenue che ti parla di amore.
Uomo perché fai la guerra, vivi nell’amore e sarai sereno.
Ancora il fango finale della discesa, (davvero tanto), frena il tuo passo uomo, dover corri ammira il mare sottostante, nel tuo passo di uomo troverai la serenità perduta in questi giorni!!!!
Infine due parole, all’organizzazione, davvero eccellente, segnali ovunque, cordialità nei ristori, ben riforniti anche all’arrivo con il reparto celiaci.
Davvero una bella giornata, non è Roma ma si può essere sereni lo stesso.
Buona settimana.
Le Aquile Mattiniere.

 
Sulle colline Livornesi con il vento in poppa
di Aldo Passetti

Un vento forte e freddo ci ha dato il buongiorno a Livorno dove era di scena il "XXXIX Marciagiro delle colline Livornesi"una delle marce più vecchie di questo Trofeo con i suoi 39 anni organizzata dal gruppo podistico AIG un team che ha dato alle Tre Province numerosi e capaci dirigenti e se adesso siamo ancora qui è anche perche a queste persone che dobbiamo questo infatti personaggi come Santini, Baggiani, Rofi, Tognelli, ed altri sono e sono stati pietra miliare del podismo amatoriale.
Ritrovarsi a Livorno è per me come tornare a casa le mie lontane origini labroniche si risvegliano insieme al grande amore che ho per questa città e per una mattina mi godo beatamente ogni momento di questa marcia e partendo dal circolino di Salviano dopo un breve tratto di asfalto si inizia a salire lungo il sentiero che conduce i podisti sui vari percorsi e mano a mano che si sale la cartolina naturale che ci offre il paesaggio è un qualcosa che rimane impresso nella memoria come un istantanea la giornata ventosa ha spazzato via le nuvole il cielo e terso e le isole dell'arcipelago mostrano i loro ben definiti contorni, uno spettacolo, anche i pisani rivali calcistici dei livornesi non mancano di manifestare il loro stupore con i loro: gaò mì bellooooo - ma campanilismo a parte tra i podisti delle due città c'è sempre un buon feling, proseguendo lungo il sentiero inizia quella parte che sarà una costante di questa marcia e cioè il fango o mota detta alla toscana ,che ha la caratteristica di innamorarsi delle scarpe a cui ti rimane attacata tanto da avere a fine corsa delle scarpe pesantissime ma prima di arrivare dal punto da cui siamo partiti di strada dobbiamo farne tanta ma il tempo e i km passano specialmente quando siamo insieme ad amici e quindi tra uno sfottò e qualche bischerata sempre con il bellissimo panorama a farci compagnia arriva la fine di questa marcia ad accoglierci un buon ristoro e una buona e fumante pastasciutta proprio al momento giusto per una provvidenziale ricarica.
Causa molte manifestazioni podistiche nazionali molto importanti i partecipanti non erano numerosi ma quelli che erano presenti hanno goduto di un ottimo percorso e di una buona organizzazione, il prossimo anno questa marcia compie 40 anni e questa deve essere una festa sotto tutti gli aspetti e allora cara Signora Tognelli fino da ora è allertata per farci trovare una marcia degna di questo compleanno.
Un saluto a tutti e naturalmente buone corse