Comitato Interprovinciale Marce Sportive (C.I.M.S.)

 
Accordo Stato-Regioni
091 del 5 agosto 2014 circa gli eventi sportivi
Per prendere contatti con un gruppo DEU per il servizio di soccorso sanitario, gli organizzatori possono rivolgersi al numero 347/6080273 valendosi di medici abilitati alla rianimazione ed all'uso del defibrillatore a costi calmierati
Convenzione con l'AOUP
per la certificazione agonistica e non
Home > La rubrica di Maria Luisa

DOMENICA 31 MAGGIO - NIENTE FORCOLI

Non penserete mica che l’ultima domenica di maggio i nostri podisti abbiamo poltrito? No davvero, il fatto è che non tutti amano scrivere, alcuni sono così riservati che non raccontano mai niente di sé, altri hanno i loro luoghi segreti, altri preferiscono magari dedicarsi per un po’ad altre attività; da altri ancora scrivere e raccontarsi è considerato quasi una perdita di tempo prezioso. Personalmente spesso ho la penna in mano, ma mi dedico anche a molte altre cose e se potessi ancora correre, correrei e fuggirei verso i miei luoghi preferiti! Comunque mi accontento e vi posso assicurare che domenica scorsa, andando da Tirrenia verso Marina ho visto e riconosciuto molti podisti delle Tre Province in azione. L’aria di mare forse ora attira di più e poi, se c’è chi ama la salita, c’è anche chi al contrario ama la pianura e quale passeggiata più salubre, ariosa e piacevole se non quella del lungomare? Anche i livornesi amano il lungomare labronico, ma questo è ritenuto un po’ la passeggiata di chi si atteggia e si vuol far vedere, per noi veri podisti un po’ troppo fuori dalle righe, a meno che non lo si frequenti ad ore quasi antelucane, 6-7 del mattino: allora non c’è niente di più meraviglioso e corroborante. De gustibus.... Martedi’ 2 giugno, Festa della Repubblica “che cosa passerà il convento “? Dove sarete sguinzagliati, cari amici delle Tre Province? Comunque e dovunque andiate, ricordate che occorrono prudenza e cautela nella speranza di riconquistare la cosa più bella: la libertà; ed è indispensabile il rispetto della natura verso la quale il comportamento dell’uomo, in nome del dio denaro, non è stato certamente adeguato. Ognuno faccia la sua parte: dare l’esempio è la “lezione” più importante della vita.