Comitato Interprovinciale Marce Sportive (C.I.M.S.)

 
Accordo Stato-Regioni
091 del 5 agosto 2014 circa gli eventi sportivi
Per prendere contatti con un gruppo DEU per il servizio di soccorso sanitario, gli organizzatori possono rivolgersi al numero 347/6080273 valendosi di medici abilitati alla rianimazione ed all'uso del defibrillatore a costi calmierati
Convenzione con l'AOUP
per la certificazione agonistica e non
Home > La rubrica di Maria Luisa

CALCI E DINTORNI

Ciao a tutti, finalmente da un mese e poco più ci godiamo le nostre corse in libertà anche lontano da casa. Non appena ci è stato permesso di "varcare il confine comunale" molti di noi si sono diretti come si suol dire "oltrarno" cioè nei comuni di Calci e Vicopisano, per cimentarsi anche nei percorsi in salita dopo due mesi di stop forzato.
Alcuni di voi ci hanno già raccontato con entusiasmo i propri allenamenti in Torretta a Caprona e in Verruca.
Io sono tornata a correre a Calci e dintorni nel primo weekend dopo la fine del lockdown e mi è sembrato veramente un sogno!!! Finito l'incubo di due mesi di corsa "in gabbia" in giardino (allenamento in pianura) e sulle scale (allenamento indoor per simulare la salita) sono ripartita piano piano, diretta verso le "vere salite" dei miei amati percorsi calcesani!!!
Aumentando weekend dopo weekend il kilometraggio, sono giunta a fare un percorso di circa 18 km per lo più asfaltato all'interno del comune di Calci partendo dalla Coop del paese. Ecco i dettagli del percorso.
Si parte scaldando le gambe in pianura, dirigendoci da Via Roma verso la Via Calcesana che è la via del cimitero che scende leggermente fino alla rotonda della località "La Gabella". Da qui si prosegue sempre su Via Calcesana che attraversa il paese della Gabella e al semaforo si gira a destra per Via di Val di Vico e si sale finché non finisce la zona residenziale. Dopodiché si fa dietrofront perché la strada continuerebbe sui monti pisani ma si entra nel terreno di un'azienda agricola ed il passaggio è consentito solo nel caso di manifestazioni podistiche ufficiali. Tornando quindi indietro verso Calci, dopo aver oltrepassato la piazza della Pieve si prende a sinistra per Via Ruschi e la si percorre verso monte fino ad incontrare Via di Villa, dove c'è una piccola chiesetta commemorativa dei caduti della Prima e Seconda Guerra Mondiale. Si sale quindi fino a dove termina il centro abitato attraversato da Via di Villa e si gira a destra prendendo una strada sterrata in mezzo agli olivi che ci porta fino alla località Castelmaggiore. Da qui proseguiamo per la località Tre Colli fino al ristorante "Il Conventino". Per giungere a questo ristorante ci sono due strade: una è tutta a sole e passa dal cimitero di Castelmaggiore (Via Del Fienilaccio che prosegue con Via Vecchia di Tre Colli). La salita è impegnativa ma quando si giunge nel punto dove spiana e dove si trova il cartello "Tre Colli" veniamo ripagati da un panorama bellissimo che si affaccia su tutta la valle di Calci. Oltretutto è una strada poco trafficata dalle auto perché è molto stretta, quindi per i podisti è il massimo. L'unico inconveniente è che a farla col caldo estivo, essendo esposta al sole, è veramente dura, per cui è preferibile o farla in discesa o farla d'inverno. In alternativa per giungere al "Conventino" si può percorrere la via principale di Calci che va sul Monte Serra e che nel tratto fra Calci e la località Castelmaggiore prende il nome di Via Don Minzoni. Giunti al semaforo di Tre Colli si gira a sinistra e si arriva anche da qui per una bella salita, al "Conventino". Questo percorso da Castelmaggiore in su è quasi interamente all'ombra per cui è consigliabile in estate. Ritornando a valle verso il centro di Calci, l'ultima fatica per fare i 18 km circa è salire a Montemagno fino alla chiesa in cima al paese, passando dalla bellissima Certosa che tutti conosciamo. Praticamente scendendo da Tre Colli si gira a sinistra al semaforo della piazza del Comune di Calci e si percorre la via che porta alla Certosa. Di faccia alla Certosa ci si mantiene sulla destra per un breve tratto e si svolta poi a sinistra per via Del Chiasso che nell'ultimo tratto diventa Via Eugenio III. Dalla Chiesa di Montemagno, "Santa Maria ad Nives", il panorama è bellissimo!!!! Si riscende e per arrivare ad allungare gli ultimi 2 km circa, si ripassa da Via Roma e si prende a sinistra Via XX Settembre, (la via dietro la Pieve di Calci) che scende immettendosi nella Provinciale Arnaccio-Calci, ovvero la via principale di Calci. Dalla provinciale infine si risale verso il Comune di Calci e il percorso è così completato!!!
Di seguito la mappa del percorso e alcune foto dei suggestivi luoghi che si incontrano corsa facendo!!

Buone corse a tutti!!!
Carolina Del Cesta